Assemblea degli agricoltori, pienone di partecipanti per discutere delicate tematiche

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
22 Giugno 2019 18:00
Assemblea degli agricoltori, pienone di partecipanti per discutere delicate tematiche

Giorno 20 giugno alle 18 all' Althea palace a Castelvetrano  per la prima volta si è riunito il comitato spontaneo degli agricoltori di Castelvetrano. L'assemblea promossa da un gruppo di rappresentanti di categoria e agricoltori, alla presenza dei rappresentanti dei comuni limitrofi, ha acceso una piccola fiammella a cui se ne aggiungeranno altre per affrontare le problematiche e promuovere le azioni che possano far risorgere uno dei settori che porta maggiore ricchezza al nostro territorio.

Nello specifico il problema discusso e' stato quello del beneficio irriguo e dell'aumento scellerato del tributo. Si sono approfondite  e sollevate tutte le questioni che hanno portato questo Ente Pubblico Economico al fallimento totale , all'enorme debito creato all'Erario che oggi ricade sull'agricoltore consorziato.  I consorzi di bonifica oggi  divisi in consorzio occidentale e consorzio orientale commissariati dall'origine vantano milioni di euro di debiti e  condizioni delle reti fatiscenti non manutentate correttamente da anni.

Nella foto Enza Viola

Gli agricoltori in gravi difficoltà' economiche,  si ritrovano a  dover pagare il beneficio irriguo con un aumento di circa il 300% dell'imposta fissa a ettaro per la sola ubicazione del fondo nel comprensorio del consorzio e il 60% circa a mc per l'erogazione dell'acqua. In assemblea si sono sollevate proprio per questo ultimo aumento diverse problematiche. L'agricoltore non ha possibilità' di quantificare realmente quanto consuma in termini di acqua per l'assenza Dei contatori previsti in diversi progetti di investimento  e molti  hanno denunciato la difficoltà', al momento della prenotazione del servizio ,della lunga attesa per l'erogazione dell'acqua  e l'impossibilità reale di capire quanto costerà ad ognuno il servizio per l'anno in corso  vista la clausola , (per noi vessatoria) da firmare ,d'impegno a pagare una cifra salvo conguaglio mai quantificata puntualmente  al momento della richiesta.

Questo ha permesso al consorzio non solo di aumentare a dismisura il tributo ma di inviare cartelle esattoriali per gli anni 2013 e 2014 e prossimi 2015/16/17/18 per sanare i debiti e i disavanzi economici e finanziari dei bilanci passati. Per reagire a tutto ciò si e' deciso  di aderire  al movimento consumatori che ci consente  di fare un'azione collettiva nelle sedi opportune e creare  rete con tanti altri gruppi di agricoltori per chiedere soluzioni all'Ars sul pagamento dei debiti pregressi  e in riferimento alla legge regionale ottenere  un governo costituito da un  Consiglio di Amministrazione i cui componenti sono eletti nel suo seno dall'Assemblea dei consorziati e non da Commissari nominati ad acta dal 1995 ad oggi , dai vari Governi Regionali.

Porteremo avanti le giuste lotte per ottenere ciò' che i carrozzoni politici e clientelari hanno tolto a vantaggio di interessi propri! Quello di giorno 20 e' stato  uno dei primi incontri che cercheremo di portare avanti nel nostro territorio per incentivare , promuovere e ridare dignità' ad un settore che e' stato, in un momento di grande crisi, l'unico a sostenere l'Economia del nostro paese.

Sono intervenuti gli avvocati del movimento consumatori L'incontro e’stato moderato da Enza Viola che è stata la promotrice dell’evento

il comitato spontaneo degli agricoltori di Castelvetrano

In evidenza