Mazara, Indagini GdF al Comune, l’Associazione Antiracket: “la Questione Morale al centro dell’azione sociale e politica. Si faccia chiarezza al più presto!”

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
30 Giugno 2020 09:29
Mazara, Indagini GdF al Comune, l’Associazione Antiracket: “la Questione Morale al centro dell’azione sociale e politica. Si faccia chiarezza al più presto!”

L'Associazione Antiracket di Mazara del Vallo “Io non pago il pizzo...e tu?” interviene in merito ai recenti avvisi di garanzia per corruzione e turbativa d'asta, nonché perquisizioni effettuate dalla Guardia di Finanza e che vedono destinatari impiegati comunali e un componente dello staff del sindaco Salvatore Quinci. “Auspico- ha dichiarato la prof.ssa Francesca Incandela, Presidente dell’Associazione  Antiracket mazarese- che le indagini siano talmente celeri e tempestive da fugare ogni dubbio e perplessità circa le responsabilità degli indagati.

L'associazione, purtroppo rimasta in questi ultimi anni isolata e non sostenuta da cittadini ed istituzioni, ha sempre combattuto ogni forma di illegalità anche attraverso campagna di informazione e di sensibilizzazione poiché forte è il senso dello Stato e della collaborazione. La Questione Morale, come diceva sempre Paolo Borsellino, deve essere messa al centro di ogni azione sia sociale che politica. Forti di tale assunto e fiduciosi nell'impegno della magistratura, sollecitiamo tutti affinché attraverso una piena collaborazione si faccia chiarezza al più presto”.

Nota stampa Associazione Antiracket "Io non pago il pizzo... E tu?"

In evidenza