"Il Maggio dei Libri", a Trapani ottimo riscontro dalle scuole

L'iniziativa ha visto la partecipazione di 39 classi trapanesi che, in fine, hanno sviluppato diversi lavori creativi

Maria Chiara
Maria Chiara Conticello
02 Giugno 2021 08:02

Si è conclusa nei giorni scorsi la campagna nazionale Il Maggio dei libri che, da dieci anni, si pone l’obiettivo di stimolare alla lettura e di far riscoprire quanto un libro sia importante per la propria crescita personale, culturale e civile.

Un’edizione, quella appena conclusa, dedicata a Dante Alighieri – in ricorrenza del 700° anniversario dalla morte del Sommo Poeta – e all’amore, che ha visto partecipare 39 classi trapanesi.

Grazie a un lavoro di cooperazione tra l’amministrazione comunale e la Biblioteca Fardelliana, infatti, alcuni studenti delle quinte elementari e delle prime mede hanno potuto scoprire il piccolo volume I cuscini magici – una fiaba istruttiva che affronta tematica connesse al valore della libertà e alla capacità di non rinunciare a saper immaginare un mondo migliore – scritto da Evghenios Trivizàs, uno dei più importanti autori greci per bambini.

«La scelta del libro – ha dichiarato Margherita Giacalone, dirigente della Biblioteca – non è causale. Come biblioteca, nel nostro primo anno di partecipazione, abbiamo pensato ai più piccoli e ai ragazzi. Il libro è ricco d immagini e colori ed è stato tradotto, tra le altre cose, dalla trapanese Tiziana Cavasino. Un progetto nato dall’idea di Stefania La Via e della Deputazione della Biblioteca Fardelliana che da anni pensa ai più piccoli».

Il progetto prevedeva la lettura in classe con il proprio insegnante di italiano – ad aderire sono stati gli Istituti “Gian Giacomo Ciaccio Montalto”, “Bassi-Catalano”, “Giuseppe Montalto”, “Nunzio Nasi”, “Eugenio Pertini” e “Guglielmo Marconi” - e la produzione di alcuni lavori individuali e collettivi, pubblicati poi nella pagina Facebook della Biblioteca. Il progetto, inoltre, comprendeva la possibilità di un webinar con Tiziana Cavasino.

Un'iniziativa che ha visto, ancora una volta – dopo il conferimento del premio “Città che legge” nel 2020 – una grande sinergia tra il Comune di Trapani, rappresentato in questo caso da Giacomo Tranchida e Rosalia D’Alì, e la Biblioteca Fardelliana che da anni concretizzano diversi progetti per invitare i più piccoli a leggere.

«Se i ragazzi vengono incitati – conclude la Dottoressa Margherita Giacalone – aderiscono con grande entusiasmo, dimostrano fantasia e curiosità, proprio com’è successo con le 39 classi partecipanti al Maggio dei Libri. Veniamo da un periodo difficile e la scelta di questo libro ha l’obiettivo di trasmettere un messaggio di speranza e di far credere nei propri sogni perché ognuno, nel proprio piccolo, può fare qualcosa. Il protagonista del libro, ad esempio, è un insegnante e non un eroe. Dimostra che una persona umile e semplice può fare tanto».

In evidenza