“Erice Dog Trekking”: come unire la passione per la natura e l’amore per il proprio cane

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
20 Maggio 2018 18:11
“Erice Dog Trekking”: come unire la passione per la natura e l’amore per il proprio cane

Un evento sportivo, nuovo, aperto a tutti e che permette di unire la passione per la montagna con l’amore per il proprio cane. Si tratta dell' “ERICE DOG TREKKING”, l'evento, primo nel suo genere nel nostro territorio, che si terrà domenica 27 maggio alle ore 9.00 con partenza da Porta Spada, ad Erice Vetta. Una giornata, organizzata dall’ASD “the Stage”, con il patrocinio del Comune di Erice, del Comitato Sportivo Educativo Nazionale (CSEN) e dell’Ordine dei Medici Veterinari di Trapani,  che sarà svolta in collaborazione con il Club Alpino Italiano e il Centro Medico Veterinario Sant’Antonio.

Il Dog Trekking è un vero e proprio sport che si può praticare con il proprio cane in mezzo alla natura. Nato nei paesi Scandinavi come modalità di allenamento per i cani da slitta oggi viene utilizzato per rafforzare il legame tra conduttore ed animale. Attraverso una speciale imbragatura che unisce il cane all’uomo, tramite semplici comandi, potranno essere affrontati percorsi difficili ma in estrema sicurezza. Si tratta, comunque, di un evento non agonistico e l'imbragatura non sarà obbligatoria.

Per accompagnare i neofiti di questa disciplina sarà presente l’Istruttrice Cinofila Veronica Orazi che proporrà dei momenti di gioco e di addestramento. Per l'appuntamento di domenica, il sentiero scelto in collaborazione con il Club Alpino Italiano (CAI), è quello di porta Castellamare – Tre chiese. Si parte da Porta Spada, una delle quattro aperture delle mura elimo-puniche, per calpestare un breve itinerario ad anello (4,5 km). Si scende lungo il versante settentrionale di Monte Erice, verso i resti di Porta Castellammare, riscoperti dopo le recenti indagini archeologiche nella zona.

Si prosegue per un breve tratto nella direzione della Chiesa di S. Maria Maddalena, e poi Sant’Ippolito e infine Santa Maria Maggiore, databili al XIV sec. Il percorso, oltre ad essere caratterizzato da un’antichissima strada lastricata con pietra ericina, è un tripudio di colori grazie alla flora nostrana. Il panorama, incredibilmente bello, spazia dalle Isole Egadi alla piana di Bonagia, Valderice e ai rilievi di Custonaci (Monte Cofano), fino a quelli di San Vito Lo Capo (Monte Monaco).

Un’occasione da non perdere per gustarsi la tranquillità di questi luoghi, godersi la felicità dei nostri amici, al fine di ravvivare così il rapporto di simbiosi e fedeltà che c’è tra noi e i nostri compagni a quattro zampe. I posti sono limitati ed è necessario la preiscrizione online e l’approvazione da parte degli organizzatori. Per info: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfo65b-DHPodA2xWs_i97NSK8D7UiU3742rHlHhApsPyYm5bw/viewform   Claudia Parrinello  

In evidenza