Vicenda Fulgatore, arriva un'altra condanna per Rizzi: «C’è un accanimento»

L'animalista dovrà pagare una cifra di 4.500,00 euro per aver violato il diritto alla riservatezza della vita familiare.

Maria Chiara
Maria Chiara Conticello
13 Ottobre 2021 08:04
Vicenda Fulgatore, arriva un'altra condanna per Rizzi: «C’è un accanimento»

I fatti avvenuti a Fulgatore a maggio, con protagonista il noto animalista Enrico Rizzi continuano a far discutere.

Nella giornata di ieri, infatti, l’influencer è stato condannato a pagare una cifra pari a 4.500,00 euro che, così, si unisce agli 8.000,00 euro e alla rimozione della diretta live incriminata - con una sanzione di 500 euro al giorno se non fosse avvenuto - già richiesti dal Tribunale qualche settimana fa.

«Io – ha dichiarato Enrico Rizzi nella consueta diretta Facebook – mi sono opposto al provvedimento ma non c’è ancora l’esito di questo ricorso, per cui è stato chiesto di sospendere la sanzione di 500 euro al giorno».

Sospensione che, però, non è avvenuta. E la risposta del Tribunale non si è fatta attendere. 

Il giudice, infatti, «in violazione dell’onore e del decoro personale e del diritto alla riservatezza della vita familiare» ha ordinato, oltre il pagamento dei 4.500,00 euro, anche che un ufficiale giudiziario – affiancato dalla polizia postale – si accerti della rimozione della diretta Facebook, avvenuta a Fulgatore a maggio scorso, dalla pagina del Rizzi.

«C’è un accanimento nei miei confronti – ha dichiarato, visibilmente amareggiato dalla condanna, l’influencer – e adesso chiedo di essere giudicato da altri tribunali. Non voglio più essere giudicato dal tribunale di Trapani, di cui non mi fido più e di cui comincio ad avere paura».

In evidenza