PalaConad ed impianti minori, Codici contesta l'amministrazione

L'avvocato Vincenzo Maltese torna su un tema caldo per la città: gli impianti sportivi.

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
26 Agosto 2021 17:39
PalaConad ed impianti minori, Codici contesta l'amministrazione

«Settembre è alle porte e diverse società sportive minori devono programmare le attività nonché l'eventuale iscrizione a campionati federali dilettantistici. Per questo - considerato che a Trapani, nonostante i proclami negli anni, le storiche palestre comunali continuano ad essere chiuse e vandalizzate - alcune società avevano inviato espressa richiesta all'amministrazione comunale di poter usufruire per qualche ora della settimana dell'unica struttura fruibile ossia il Palaconad. Ma ad oggi tutto tace nonostante l'avvio degli allenamenti e la preparazione della Pallacanestro Trapani».

Così l'Avv. Vincenzo Maltese componente dell'Assemblea nazionale del Codici - Centro per i diritti del Cittadino e responsabile della delegazione territoriale della stessa Associazione di consumatori e utenti. Ma il legale va oltre. «Nessun bando risulta essere stato emanato (dopo che per due volte è andato deserto), e non si ha notizia di alcun regolamento per l'utilizzo e l'affidamento del palazzetto. Eppure il Sindaco Tranchida dovrebbe sapere che dal 28 febbraio di quest'anno è entrata in vigore la riforma del settore (con il D.lgs 38/21) che dà la possibilità alla comunità delle associazioni e società sportive dilettantistiche (Asd e Ssd) di gestire immobili pubblici al momento inutilizzati riqualificandoli.

Tuttavia nessuna riunione programmatica è stata avviata al fine di procedere con un percorso di gestione. Eppure sempre sul versante degli impianti sportivi la legge parla chiaro: nei casi in cui l'ente pubblico non intenda gestire direttamente gli impianti può decidere di affidarli a società o associazioni sportive dilettantistiche. Per Trapani sono due strade che ad oggi non risultano essere state intraprese da questa amministrazione». L'Avv. Vincenzo Maltese conclude con una richiesta: «Permanendo a parere del sottoscritto del tutto fallimentare la politica sportiva portata avanti da questa amministrazione, e ritenuto che la gestione della cosa pubblica debba sempre tendere verso l'imparzialità, il buon andamento e la trasparenza, chiedo (anche a nome della comunità sportiva locale) di conoscere se e quando il Sindaco di Trapani intenderà comunicare pubblicamente i criteri di affidamento del Palaconad a mezzo convenzioni, regolamenti o bandi, consentendo così a tutte le realtà sportive locali di potervi partecipare».Nota stampa

In evidenza