Lampedusa, sparatoria fra motovedetta GdF e peschereccio tunisino in acque territoriali

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
30 Settembre 2020 12:04
Lampedusa, sparatoria fra motovedetta GdF e peschereccio tunisino in acque territoriali

Stamattina sparatoria a circa una decina di miglia da Lampedusa tra una motovedetta della Finanza e un peschereccio tunisino. Il motopesca tunisino "Mohanel Anmed" che stava pescando in acque territoriali italiane non si era fermato all’alt delle "fiamme gialle" ed avrebbe aperto il fuoco tentando addirittura di speronare l'unità italiana. È scattato l'inseguimento in acque internazionali e alla fine il motopesca è stato fermato e condotto nel porto di Lampedusa per controlli. All’interno del natante tunisino sarebbero stati trovati panetti di droga ma la notizia non è confermata. “Spero vivamente -ha dichiarato l’ammiraglio Nicola De Felice- che la giustizia italiana punisca con la massima severità l’equipaggio del peschereccio tunisino sequestrato in queste ore dai nostri militari della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera nel porto di Lampedusa”. Francesco Mezzapelle (In foto copertina gli spari della GdF per fermare il motopesca tunisino)

In evidenza