Covid 19: Nuove restrizioni dalla Regione , Castelverano tra i comuni a rischio

Stretta per 55 comuni sicliani che non hanno raggiunto il 60% dei vaccinati. anche 5 comuni della provincia di Trapani.

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
22 Agosto 2021 20:15
Covid 19: Nuove restrizioni dalla Regione , Castelverano tra i comuni a rischio

Arriva la nuova ordinanza del Presidente della Regione Siciliana che dispone norme più stringenti per cercar di arginare il fenomeno dei contagi. Sono 55 in Sicilia i Comuni con una bassa percentuale di vaccinati inferiore al 60 per cento e con un’incidenza di contagi nei sette giorni (13-19 agosto) superiore a 150 casi per 100 mila abitanti. In provincia di Trapani spiccano Castelvetrano che si ferma al 56% degli aventi diritto che si sono vaccinati, Campobello di Mazara con il 53,25%, Castellammare del Golfo con il 59,32%,Custonaci con il 50,50% e Pantelleria con il 47,31%.

Nei 55 Comuni indicati nell’allegato “A”, oltre alle vigenti diposizioni per il contenimento del contagio, si applicano dal 24 agosto 2021 fino al 6 settembre 2021 compreso, le seguenti misure: a) uso obbligatorio delle mascherine in tutti i luoghi al chiuso e in quelli all’aperto ove sono presenti più soggetti (quali ad esempio strade e 7 piazze), ad eccezione dei bambini di età inferiore ai dodici anni, dei soggetti affetti da patologie che ne rendono incompatibile l’utilizzo e di coloro che, nel rispetto delle misure di prevenzione, effettuano attività sportiva all’aperto; b) divieto di assembramento nelle aree pubbliche; c) per le attività di banchetto e per gli eventi privati restano ferme le disposizioni vigenti con obbligo di tampone rinofaringeo per gli operatori e per i partecipanti nelle 48 ore antecedenti l’evento.

2. Il Direttore Generale dell’Azienda sanitaria provinciale competente per territorio promuove, con immediatezza dalla entrata in vigore della presente Ordinanza, con i Sindaci dei Comuni di cui all’allegato “A”, il Direttore del Distretto territorialmente competente e la rappresentanza dei Medici di medicina generale e dei Pediatri di libera scelta un tavolo tecnico finalizzato al raggiungimento del previsto target del 70% dei vaccinati in prima dose nel territorio comunale. Per il raggiungimento del predetto obiettivo, l’Azienda sanitaria provinciale competente è autorizzata a compiere gli atti amministrativi necessari al reperimento del personale amministrativo e medico, previa consultazione dei Medici di medicina generale e dei Pediatri di libera scelta operanti sul territorio comunale, finalizzato ad attivare modalità di vaccinazione decentrata e domiciliare.

3. Alla scadenza della efficacia della presente Ordinanza il Dipartimento di prevenzione dell’Asp territorialmente competente monitora i livelli di adesione alla campagna vaccinale e la diffusione del contagio. Nel caso di mancata progressione del target previsto dei vaccinati in prima dose nel territorio comunale e di concomitante diffusione del contagio superiore al parametro di 250 casi per centomila abitanti, vengono, con separata Ordinanza, disposte le ulteriori misure di contenimento.

Per i comuni di Barrafranca e Niscemi, su proposta delle Asp, e’ stata disposta la zona arancione.

In evidenza