Favignana, incontro nel segno delle sfide delle isole tra clima e turismo

Energia, acqua, economia circolare, mobilità: le isole minori italiane tra cambiamenti climatici e pressione turistica.

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
18 Settembre 2021 14:41
Favignana, incontro nel segno delle sfide delle isole tra clima e turismo

Nell’ambito del progetto Sicilia Carbon Free, oggi, allo stabilimento Florio di Favignana, è stato presentato il rapporto Isole sostenibili.

Nel corso della mattina si sono svolte tre sessioni nel corso delle quali si è fatto il punto della situazione nelle isole siciliane, sono state illustrate le buone pratiche messe in campo, ad esempio, alle isole Baleari ed in Islanda. Nell’ultima sessione Legambiente ha chiesto alla Regione siciliana di accelerare gli interventi nelle isole minori.

«Le isole minori siciliane – ha detto nel suo intervento Edoardo Zanchini, vice presidente nazionale Legambiente - possono diventare un laboratorio della transizione ecologica con benefici ambientali e economici, e per la vivibilità in questi delicati ecosistemi. Sono tanti i ritardi da recuperare, dalla depurazione alla produzione di energia oggi quasi tutta da fonti fossili, fino ai rifiuti che oggi viaggiano via nave con costi enormi. Questa mattina abbiamo raccontato con tanti esempi italiani ed europei come oggi vi sia la possibilità di trasformare questi problemi in opportunità in tutte le isole siciliane, grazie a progetti sempre più efficienti e risorse statali ed europee.

Ora è il momento di accelerare e per questo chiediamo alla Regione, alla soprintendenza e ai comuni di rendere possibile questo scenario. A partire dalla semplificazione per l'installazione del solare, regole che permettano di realizzare impianti eolici e biodigestori anaerobici nelle aree compatibili».

«La giornata di oggi – dichiara Anita Astuto, responsabile Energia e clima di Legambiente Sicilia, ci conferma che quella del progetto di Sicilia Carbon-free sia la strada giusta da intraprendere per creare una partnership per gli obiettivi di decarbonizzazione con tutti gli attori territoriali coinvolti, dai soggetti decisori alle comunità locali. Non è più il tempo di opposizioni sui territori ma di lavorare insieme, perché la transizione energetica è adesso!».

Una buona notizia intanto viene da Favignana grazie al progetto di Terna di collegamento elettrico sottomarino, che permetterà di spegnere la centrale a gasolio e puntare su rinnovabili, efficienza in edilizia, mobilità elettrica e ciclabile.

L’incontro è visibile sulle pagine Facebook di Legambiente Sicilia e La Nuova Ecologia.Comunicato stampa

In evidenza