63^ Monte Erice, 299 gli iscritti alla storica manifestazione

Conferenza stampa di presentazione stamane presso la sede Aci di Trapani

Mirko
Mirko Ditta
16 Settembre 2021 15:38
63^ Monte Erice, 299 gli iscritti alla storica manifestazione

E’ boom di iscritti per l’edizione numero 63 della Monte Erice: 299 i partecipanti totali alla storica manifestazione, undicesima e penultima prova del campionato italiano di velocità della Montagna, valevole anche per il Tivm Sud e per il Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche, in programma per domenica 19 settembre. Quattro le quota rosa che prenderanno parte all’evento. Assenti Merli e Fagioli, impegnati in ambito europeo.

Conferenza stampa di presentazione stamane presso la sede Aci di Trapani. A far da padrone di casa il presidente, Giovanni Pellegrino: «Oggi mi sento forte e lieto di avere le istituzioni accanto. Il nostro augurio è quello di far decollare ancora di più la manifestazione, che è un piccolo principio attivo che possono scaturirne tanti altri. Erice e Valderice, tra cielo e mare: quando le massime aspirazioni non posso essere precluse». La Monte Erice si dimostra ancora una volta un appuntamento di grande carattere sportivo oltre che di enorme valenza turistica: «Iscritti da Malta, Svizzera e Germania, non fanno altro che portare in alto il nome di Erice», come sottolineato dall’Assessore allo Sport e Turismo ericino, Rossella Cosentino.

La volontà di migliorarsi c’è, proiettandosi già al prossimo anno, quando l’emergenza Covid si spera possa essere un ricordo, con l’obiettivo di una realizzazione di eventi collaterali della durata di una settimana: «Ennesima conferma di una tradizione sportiva importante che fa parte di Erice – ha esordito la sindaca Daniela Toscano - Estremamente affascinante vedere i mezzi snodarsi lungo il percorso. Non vorremmo limitare le giornate alle mere competizioni ma vorremmo coinvolgere tutto il territorio. Occorre trova una maggiore sinergia tra organizzatori e Comuni in modo tale che si allunghi la manifestazione per una settimana».

La sindaca offre una chicca in anteprima: «Abbiamo ottenuto un finanziamento per cui la vecchia funivia verrà ristrutturata e adibirla a luogo di esposizione per rievocare i momenti storici della manifestazione, è ciò che si propone di fare la nostra Amministrazione». A vivere da istituzione ma anche, e soprattutto da pilota, il sindaco di Valderice Francesco Stabile: «Monte Erice è storia del nostro territorio, dell'Italia e dell'Europa. Ringrazio il presidente Pellegrino, il quale è riuscito a dare lustro alla Monte Erice e riportarla a tappa del campionato europeo, sarebbe un grande vanto.

Mi emoziona perché la vivo anche come protagonista: essere partecipante con piloti e campioni è motivo di orgoglio, nonostante l'ultima volta non sia andata bene per me. Sostenere questo evento significa anche poterlo vedere crescere: non farò mancare il mio impegno. Grazie agli organizzatori, in primis al presidente dell'ACI Sport e a tutti coloro che agiscono nel dietro le quinte». La dottoressa Carmela Ricciardi, direttrice dell’Aci, ha sottolineato gli sforzi della macchina organizzativa, forte di 140 commissari di percorso ad occupare le 34 postazioni, 40 della Protezione Civile, sei ambulanze ognuna con medico rianimatore e tre infermieri e sei carri attrezzi, tutti agli ordini del direttore di gara Marco Cascino. Domani dalle 10.30 alle 19.30, in piazza Municipio a Valderice, le verifiche tecniche; alle 20 la pubblicazione ufficiale dei verificati ed ammessi alle prove.

Sia sabato che domenica il percorso chiude alle ore 6, mentre sia le prove che la gara prenderanno il via alle ore 8.

In evidenza