La Nuova Sorgente Onlus aiuta i cittadini a prenotare il vaccino

Il servizio è aperto a tutti e si svolge il martedì, il giovedì e il sabato dalle 10 alle 12

Maria Chiara
Maria Chiara Conticello
06 Giugno 2021 23:36
La Nuova Sorgente Onlus aiuta i cittadini a prenotare il vaccino

Quella che stiamo vivendo è un’epoca di crisi economica e sanitaria. Ma se è vero che nell’ultimo anno è aumentata la povertà, è anche vero che sono state tante le associazioni di volontariato – parrocchiali e non – che hanno cercato di aiutare i più bisognosi e i più fragili.

Buoni spesa, cibo o semplicemente un po’ di sostegno è quello che varie associazioni in questo periodo di pandemia hanno donato, senza chiedere nulla in cambio. E nonostante il periodo più critico sembra stia passando, sono sempre tante le persone che richiedono aiuti e sostegni di vario genere. Lo ha capito, tra gli altri, la Nuova Sorgente Onlus – associazione che opera soprattutto nel Quartiere Sant’Alberto – che, nelle ultime settimane, ha creato un servizio di aiuto per prenotare il vaccino in modalità online.

«L’associazione – ha dichiarato Carla Voi – è vicina alle istituzioni ed ha come fine quello di aiutare anche nel combattere la pandemia da Covid-19. Le volontarie, ravvisando delle difficoltà di chi nel quartiere voleva prenotare il vaccino on line, ha subito ampliato un servizio già in essere fin dalle prime prenotazioni solo per gli ultraottantenni, ma solo su richiesta, ed ha disposto un servizio aperto a tutti che si svolge il martedì, il giovedì e il sabato dalle 10 alle 12. Oltre la prenotazione agli utenti viene offerta assistenza nella compilazione dei moduli richiesti in modo da velocizzare le operazioni presso i centri vaccinali».

Un servizio, quello dell’aiuto alla prenotazione, che è soltanto una delle tante attività che l’associazione porta avanti da anni e tra cui bisogna annoverare le borse di studio annuali per contrastare l’abbandono scolastico, le attività di sostegno e di ascolto e il progetto Pane Quotidiano che vede i volontari distribuire ogni mattina le eccedenze dei panifici a chi ha bisogno e a chi si reca al centro pastorale.

«Il riscontro al servizio di prenotazione è stato ottimo fin da subito. La maggior parte degli utenti sono extracomunitari che hanno esigenza di vaccinarsi per tornare nel proprio paese. È da segnalare, poi, la collaborazione di tutti. Tanti utenti, infatti, hanno cercato di prenotare la propria vaccinazione negli stessi giorni di chi aveva difficolta a raggiungere il centro di vaccinazione, aiutando così chi non avesse un mezzo».

Una bella iniziativa che rende orgoglioso, tra gli altri, il parroco Don Rino Rosati che ha messo a disposizione il Centro Pastorale della Parrocchia Sant’Alberto per tutte le attività dell’Associazione. E tra gli obiettivi futuri c’è anche quello di una biblioteca per i ragazzi del quartiere, uno tra i più grandi e popolosi della città ma che è anche pieno di disagi e di grandi differenze sociali. Differenze che, però, i volontari cercano di eliminare svolgendo numerose attività che, in fin dei conti, ci fanno ancora credere nell'Umanità.

In evidenza