Italia – Iniziano i lavori del padiglione Italia a Dubai 2020

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
28 Novembre 2019 13:14
Italia – Iniziano i lavori del padiglione Italia a Dubai 2020

Il 20 ottobre 2020 sotto i riflettori di tutto il mondo avrà inizio l'Esposizione Universale di tutti i paesi che questa volta sarà a Dubai. Il tema generale è "Connecting Minds, Creating the Future” e si prevede che attrarrà un totale di circa 25 milioni di visitatori. Proprio martedì 26 novembre alla presenza del viceministro allo Sviluppo Economico Stefano Buffagni, dell’Ambasciatore italiano negli Emirati Arabi Uniti Nicola Lener, del direttore generale di Expo Bureau Najeeb al Ali e del Commissario generale dell’Italia Paolo Glisenti, si è tenuta la cerimonia del groundbreaking presso il sito di Expo.

Con la posa della prima pietra all’Expo 2020 Dubai, l’Italia è tra i primi Paesi partecipanti all’ Esposizione Universale a far partire i lavori di costruzione del proprio Padiglione, infatti su più di 190 paesi partecipanti, solo in 30 circa hanno già fatto partire i lavori di costruzione dei padiglioni. Il padiglione, che si estende su una superficie totale di 3.500 metri quadri e si eleva su quasi 27 metri di altezza, si basa su un approccio circolare all'architettura, con gli scafi di tre imbarcazioni convertiti nel tetto dell'area espositiva per la durata dell’Expo.

Il progetto mira a integrare materiali sostenibili - come bucce d'arancia, fondi di caffè, funghi e plastica riciclata raccolta anche nell’ Oceano - che vengono utilizzati in modo innovativo come elementi di costruzione. Il Padiglione che da oggi prende forma sarà un vero e proprio hub dell’innovazione e della sostenibilità in grado di rappresentare e promuovere l’internazionalizzazione delle istituzioni, dei territori e delle imprese dell’Italia. Sorgerà in una zona di grande visibilità tra le aree tematiche di Expo 2020 dedicate a “Opportunità” e “Sostenibilità”, vicino ai padiglioni di Emirati Arabi Uniti, India, Germania, Arabia Saudita, Giappone e Stati Uniti.

L'Italia come sempre si distingue da tutti gli altri paesi e proprio questa mattina 28 novembre il direttore generale di Expo Bureau Najeeb al Ali ha chiesto all'Italia di lasciare in eredità il padiglione agli emirati arabi così da valorizzare ancora di più il nostro paese. Ovviamente l'Italia ha accettato la richiesta e si impegnerà al massimo così da rendere il padiglione Italia un museo permanente. Redazione

In evidenza