Campanile di San Domenico, accese per la prima volta le luci interne

Adesso la struttura sarà visitabile in sicurezza

Simone
Simone Crapanzano
09 Settembre 2021 10:38
Campanile di San Domenico, accese per la prima volta le luci interne

Si è tenuta ieri sera, presso il campanile del chiostro di San Domenico, una passeggiata serale dove, a presenziare, sono stati il Sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida e gli assessori Andreana Patti, Rosalia D'Alì e Dario Safina.

Come dichiarato dall'Assessore Dario Safina, la campana della torre, risalente al 15° secolo, «è stata messa in sicurezza, adesso sono stati rifatti i pilastri di sostegno che permetteranno alla Campana di suonare e consentiranno alle persone di salire in totale sicurezza».

«La scala - continua Safina - è stata illuminata con dei segnapasso per consentire la visita serale, dove le persone potranno godere di questa vista magnifica della città di Trapani, dove sono stati messi anche dei parapetti di sicurezza» 

«Presto - conclude l'Assessore - saranno aggiunti dei ganci di sicurezza tipici delle "scalate in montagna", per far salire il visitatore nel caso un cui accusasse un capogiro o un malore durante la salita».

Grande emozione anche da parte del sindaco Giacomo Tranchida che ha dichiarato «su Trapani, da tre anni, con grande fatica e impegno da parte dei colleghi e degli uffici del Comune, viaggiamo su un doppio binario.

Da una parte stiamo riparando ciò che non andava, dall'altra stiamo mettendo delle "piccole luci", luci di speranza e di prospettiva per il futuro».

«Trapani è una città - continua Tranchida - che si sta muovendo, sta mostrando le proprie bellezze e i propri monumenti».

Il Sindaco coglie l'occasione per lanciare una nota polemica nel dire che «non bisogna, da trapanesi, tifare solo per il destino della propria squadra del cuore, sia essa di calcio o pallacanestro, ma bisogna tifare il valore intrinseco della città, affinché possa diventare effettivamente Capoluogo».

In aggiunta l'Assessore D'Alì ha dichiarato che sono stati recuperati dei finanziamenti da utilizzare per gli spazi del complesso di San Domenico.

«Speriamo - dice l'assessore D'Alì - di poter destinare queste grandi sale a degli spazi culturali che possano essere fruiti dai cittadini ma anche dai turisti».

In evidenza