Quando e come Matteo Messina Denaro farà il vaccino anti-covid19? Forse l’ha già fatto? Oppure è un “no vax”?

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
30 Dicembre 2020 10:41
Quando e come Matteo Messina Denaro farà il vaccino anti-covid19? Forse l’ha già fatto? Oppure è un “no vax”?

Lo scorso 19 aprile, in pieno “lockdown”, attraverso la nostra rubrica “Una punta di Sal”, l’amico e collega decano Salvatore Giacalone, si interrogò su come il superlatitante, ultimo capo della mafia dei “corleonesi”, Matteo Messina Denaro avrebbe potuto trascorrere la lunga sua “quarantena”. Giacalone, sottolineando “l’invisibilità” del boss di Castelvetrano, si è chiesto: “Come vivrà Matteo Messina Denaro al tempo del coronavirus? Che farà in questi lunghi giorni di emergenza coronavirus? Avrà pure le sue esigenze e per queste, forse, potrà usare la mascherina  ed uscire, oppure guidare l’auto o farsi accompagnare ma sarebbe rischioso.

Se guida l’auto però cosa scriverà nell’autocertificazione nel caso venisse fermato? Non può scrivere come si chiama. Non può scrivere dove abita. Non può rivelare da dove è iniziato il suo spostamento, né dove è diretto. Si muove per “Comprovate esigenze lavorative”? Chi gli porterà i viveri, gli indumenti, le mascherine e forse anche le medicine se ne dovesse avere bisogno? (in foto copertina un ultima immagine con l’age-progression di Matteo Messina Denaro con una mascherina anti-covid19).

Adesso, a distanza di quasi 9 mesi, ci chiediamo invece: quando e come Matteo “U’ siccu” si sottoporrà (forse chissà lui si è già vaccinato da qualche mese) al vaccino anti covid della Pfizer BionTech che in queste ore furgoni ben monitorati ne stanno trasportando massicce dosi dallo stabilimento delle Fiandre in Italia; un vaccino che sembra davvero rappresentare la fine di un tunnel, della pandemia che ha funestato il pianeta nel 2020. Oggi Matteo Messina Denaro, latitante da circa 27 anni, avrebbe 68 anni e pertanto rientrerebbe in quella “fascia protetta” della popolazione che dovrebbe sottoporsi al vaccino prossimamente.

Ma non è che forse lo stesso capo di “cosa nostra” sia anche lui, come molti politici e personaggi che vogliono rimaner celati, un convinto “No vax”? Nel frattempo “l’oseo de’ bosco”, sempre che si trovi in Italia e non in qualche località del Sudamerica a godersi l’estate, deve fare in conti anche lui con i Dpcm istituiti dal Governo Conte in questo periodo di festività. Come gestisce gli spostamenti dai vari covi: sono sempre all’ordine del giorno o si è stabilito in qualche città o paese, zona, magazzino sicuro? Come e con chi trascorrerà il capodanno? Alcuni lo descrivono come uomo di buone attitudini intellettuali e abbastanza religioso ma  non ce lo vediamo a meditare i santi, forse guarderà molta televisione, telegiornali,  dibattiti e perché no seguirà qualche serie su Netflix in attesa che una di esse sia dedicata alla sua vita.

Una cosa è però certa: questo “virus” invisibile, (come lui) qualche fastidio glielo sta procurando. Francesco Mezzapelle

In evidenza