Campobello di Mazara: Dalla Regione tirocini extracurriculari per giovani, adulti disoccupati e disabili

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
27 Giugno 2018 16:57
Campobello di Mazara: Dalla Regione tirocini extracurriculari per giovani, adulti disoccupati e disabili

Il sindaco Castiglione fornisce informazioni per accedere agli incentivi. Istanze entro il 10 luglio Il sindaco Giuseppe Castiglione informa la cittadinanza che la Regione Siciliana ha erogato incentivi per la realizzazione di tirocini di durata dai 6 ai 12 mesi con indennità pari a 500 euro mensili. Tali incentivi hanno l’obiettivo di agevolare l’attuazione di esperienze formative e professionali in grado di rafforzare i livelli di occupazione dei partecipanti, ampliando le loro opportunità d’inserimento lavorativo.

La misura, in particolare, è rivolta a 3 categorie di beneficiari: 1) giovani siciliani (da sei mesi residenti con l’obbligo d’istruzione assolto) tra i 16 e i 35 anni, disoccupati, inattivi e in cerca di prima occupazione con ISEE non superiore a € 30.000. 2) adulti siciliani (da sei mesi residenti con l’obbligo d’istruzione assolto) tra i 36 e i 66 anni, disoccupati, inattivi e in cerca di prima occupazione con ISEE non superiore a € 30.000. 3) disabili ai sensi della l.

68/99 o svantaggiati ai sensi della l.381/91 (da sei mesi residenti con l’obbligo d’istruzione assolto) tra i 16 e i 66 compiuti. Non potranno invece svolgere i tirocini coloro i quali: a) hanno già fruito di tirocini extracurriculari attivati con “Garanzia giovani”; b) risultano iscritti ad albi o ordini professionali e chiedano tirocinio per il medesimo ordine; c) i soggetti coinvolti in misure di politiche attive. Gli interessati possono presentare istanza entro il 10 luglio 2018, attraverso la sezione “Avviso destinatari” (http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratofamigliapolitichesocialielavoro/PIR_DipLavoro/PIR_Avviso_22_2018_Tirocini_Extracurriculari) sui canali dell’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro, allegando alla domanda documento d’identità, certificato ISEE e eventuale certificazione disabilità o svantaggio.

In alternativa è possibile iscriversi recandosi presso uno dei Centri per l’Impiego regionali. Sempre sullo stesso sito è possibile reperire anche le informazioni necessarie per le aziende che volessero accreditarsi come “ospitanti”.

In evidenza