A Cinisi si inaugura la “Casa dei Giovani”, in un bene confiscato alla mafia nasce un centro aggregativo

Redazione Prima Pagina Trapani
Redazione Prima Pagina Trapani
31 Ottobre 2019 16:26
A Cinisi si inaugura la “Casa dei Giovani”, in un bene confiscato alla mafia nasce un centro aggregativo

Sarà inaugurata, questa sera alle ore 18,30 in corso Umberto I n.97, a Cinisi la “Casa dei Giovani” (Centro Aggregativo Socio –Educativo ed Artistico per ragazzi e giovani). Il progetto, finanziato dall’Assessorato regionale alle Politiche Sociali, nasce in rete tra il Comune di Cinisi, l’associazione “Solidanime, l’associazione “Attivamente onlus” e “Dammi il 5”. Nel bene confiscato alla mafia, ristrutturato dal Comune e adeguato dalle associazioni, vengono organizzate attività artistiche, culturali e ricreative dedicate ai giovani.

I ragazzi di Cinisi, Palermo e dei comuni limitrofi, potranno partecipare a laboratori di teatro, canto, pittura e cartapesta. Nella struttura (vedi foto di copertina) è stata realizzata anche una sala insonorizzata dove le band potranno provare i loro pezzi musicali. Aperto anche uno sportello di ascolto con l’ausilio di alcuni psicologi. Durante l’inaugurazione, alla quale saranno presenti il sindaco del Comune di Cinisi, Giangiacomo Palazzolo, e le autorità civili e religiose, sarà organizzata una grande festa in collaborazione con le associazioni del territorio.

Quella che era una dimora mafiosa oggi diventa un centro aggregativo e ricreativo per tutti i giovani che potranno così condividere emozioni e passioni. Francesco Mezzapelle

In evidenza